Dopo la prova di Roma nella sfida con la sponda laziale della Capitale possiamo veramente dire che solo noi siamo l’avversario di cui avere paura.

Con 11 punti di vantaggio e 18 in palio basta amministrare le partite e portare a casa il risultato finale.

Cosa dire? Siamo arrivati in semifinale di Coppa Italia, presumibilmente di nuovo campioni e usciti ai quarti della Campions, piazzandoci fra le migliori 8 dell’Europa.

Concentriamoci sulle restanti partite, per non vanificare tutto il lavoro fatto fino ad ora, e la Società intanto, avendo quasi lo scudetto in tasca, si concentri nel pianificare la prossima stagione, cercando di trattenere i pezzi pregiati del parco giocatori e rinforzando i reparti che hanno bisogno di forze fresche e qualità da spendere in giro per l’Europa.

Oggi non voglio creare polemiche, siamo ad un passo dal 29esimo scudetto (già siamo la Juventus, giusto rispettare le sentenze), quindi mi sento fiero di tutti, squadra, staff tecnico e Società, che ad un passo dal baratro (qualcuno ricorda la serie B e l’incubo di non risalire?) è riuscita passando dalle forche caudine dei settimi posti a riportarci in Italia nel posto che ci spetta.

Ora attendiamo con pazienza il posto in Europa, ma non chiedeteci di avere pazienza, siamo tifosi non dirigenti. Cercate di capirci come noi cercheremo di fare lo stesso con voi.

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.