Juventus-Sassuolo ovvero come soffrire e patire per 80 minuti per poi spiccare il volo a +11 dagli eterni secondi in classifica, ovvero quei burini capitanati dal Sgt. Garcia che nel girone d’andata era così convinto di strapparci lo scudetto dalle maglie da non vedere che i suoi giocatori oramai pensano solo a difendere il loro “scudetto” cioè il secondo posto.

Ma parliamo della partita o meglio dell’assedio bianconero ai neroverdi una missione compiuta per la Juve di Allegri che nel “Monday night” della 26.ma giornata di Serie A, in uno Juventus Stadium gremito, ma non tutto esaurito, vince 1-0.
Vittoria che significa + 11 dalla Roma.
Primo tempo difficile per i nostri, che faticano a manovrare e sbattono contro un inedito Sassuolo ben organizzato, arrembante e aggressivo, tanto da pressare molto gli spazi bianconeri.
Nella ripresa, continua l’assedio juventino fino a quando una bomba dal limite di Pogba all’82’ regala la vittoria che fa esplodere lo stadiume fa azzittire qualche gufo seduto sulle sponde del Tevere.
Da segnalare il gradito ritorno di Barzagli dopo il lungo stop che lo ha tenuto lontano dai campi per molti mesi.

 

 

JUVENTUS-SASSUOLO 1-0
Juventus (4-3-1-2): Storari; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Evra; Vidal, Marchisio, Pogba; Pereyra (18′ st Pepe); Morata (18′ st Llorente), Tevez (41′ st Barzagli).
A disp.: Rubinho, Audero, Ogbonna, De Ceglie, Padoin, Sturaro, Matri. All.: Allegri
Sassuolo (4-3-3): Consigli; Vrsaljko, Acerbi, Peluso, Longhi; Brighi (33′ st Chibsah), Magnanelli, Missiroli (39′ st Lazarevic); Berardi, Zaza, Sansone (27′ st Taider).
A disp.: Pomini, Polito; Bianco, Natali, Fontanesi, Biondini, Donis, Floro Flores, Floccari.All.: Di Francesco
Arbitro: Peruzzo
Marcatori: 38′ st Pogba (J)
Ammoniti: Missiroli, Sansone, Magnanelli, Zaza (S), Tevez, Pogba (J)

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.